Bologna: Una ruspa per sgomberare Xm24

Con l’escavatore è stato abbattuto un pezzo di muro perimetrale, consentendo alle forze dell’ordine di evitare le barricate erette agli ingressi. Tolta la corrente elettrica. Tra performance e fuochi d’artificio, le/gli attivisti resistono anche sui tetti.

E’ entrata in azione anche una ruspa per procedere con lo sgombero dell‘Xm24, iniziato con l’arrivo di polizia e carabinieri (accolto con fuochi d’artificio) stamattina all’alba. L’escavatore ha abbattuto un pezzo di muro perimetrale, consentendo agli agenti di evitare le barricate erette ai cancelli. Le forze dell’ordine sono riuscite ad entrare nel cortile sotto la tettoia, all’interno anche i Vigili del fuoco. E’ stata anche tolta la corrente elettrica. Le/gli attivisti del centro sociale resistono sui tetti e altri punti elevati della struttura, dando vita ad una performance artistica. Testimonianza rilanciata via Telegram dall’Xm24: “Le occupanti e gli occupanti di Xm24 stanno dando vita a una resistenza geniale, a partire da chi si é fatto trovare a resistere cantando nella splendida piscina, chi girando un film all’interno dello spazio. Intanto dal tetto fuochi di artificio”. All’esterno dell’immobile, sul lato del parco, si rafforza il presidio solidale. [Read More]

Bolognina solidale con l’Asilo Occupato

Tutta la nostra solidarietà alle compagne e ai compagni che resistono sul tetto dell’Asilo Occupato di Torino, sotto assedio delle forze dell’ordine dall’alba di questa mattina. Un ennesimo tentativo di affibiare il reato di associazione sovversiva alle lotte di compagne e compagni da sempre impegnati contro i Cie e solidali con I migranti. Apprendiamo che a Torino dopo la caccia all’uomo di oggi pomeriggio è ora in corso una manifestazione e invitiamo a unirsi alla resistenza.

Bolognina solidale con l’asilo occupato terrorista è lo Stato!
Spazio pubblico autogestito Xm24 love Eversione
con I migranti – Nessun Cpr [Read More]

Torino: Solidarietà alle occupazioni luoghi di libertà

Venerdì 4 agosto la polizia ha assediato una casa occupata in corso Giulio Cesare a Torino, per catturarvi un occupante. Altri sei che gravitano attorno all’occupazione di via Alessandria sono perseguiti. Il giorno precedente a Firenze, dopo un’intera giornata di resistenza sul tetto, cosa non nuova in quella casa, hanno arrestato quelli che tenevano duro alla Riottosa-squat e l’hanno sgomberata. Martedì 8 agosto a Bologna vengono sgomberati 2 spazi occupati: il centro sociale Crash, senza scontri, e il “centro sociale buono” Labas. 10 feriti per la resistenza passiva. Giovedì 10 agosto a Cinecittà inizia lo sgombero di una occupazione abitativa ultimato nel pomeriggio dopo ore di assedio, sgomberate 250 persone con decine di bambini, senza alcun dialogo. Gli effetti personali sono stati gettati dalle finestre, 11 arresti e 37 denunciati. [Read More]

Bologna: Solidarietà al Rosa Nera squat!

Abbiamo conosciuto i compagni e le compagne dello squat Rosa Nera di Chania durante il meeting anarchico internazionale Tre Ponti svoltosi in Grecia, che ebbe il suo momento centrale proprio a Creta.
Uno spazio stupendo, tenuto in maniera esemplare nel vecchio palazzo del governatore ottomano, direttamente sul promontorio sopra il porto veneziano della città, che da semplice monumento storico è diventato un luogo di aggregazione sociale e politica.

Le persone che lo abitano e lo rendono vivo si dimostrarono anch’esse stupende: ospitali fin oltre quanto avrebbero dovuto, disponibili, politicamente molto capaci e attive.
Ora la proprietà dell’edificio, l’Università, vuole sgomberare quell’esperienza con l’obbiettivo di metterla a profitto proprio mentre la popolazione continua ad affrontare una crisi economica che ne sta distruggendo il tessuto sociale.

Anche qua a Bologna, come in tutta Italia, il capitalismo neoliberista attacca le condizioni di vita delle persone usando come scudo la repressione degli spazi e dei gruppi che lo combattono: nello specifico è la lotta per difendere XM24, Spazio Pubblico Autogestito simbolo della nostra città, che ci sta impegnando. [Read More]

Bologna: Contributo contro lo sgombero di XM24

Bologna_contro_lo_sgombero_di_XM24I NOSTRI SPAZI VANNO DIFESI

Che “Bologna non sia più la stessa di 15 anni fa” è un’ovvietà condivisa. L’operazione “Strade Sicure” e i pattugliamenti dell’esercito nei quartieri “caldi”, l’intensificarsi della presenza della polizia, l’aumento dei controlli, le telecamere nelle strade, la militarizzazione della zona universitaria, la politica dura contro le occupazioni abitative e i nuovi palazzi di vetro e cemento, gli spazi sociali sotto attacco, la repressione sulle realtà più conflittuali tanto nelle strade, quanto nelle aule di tribunale.

In tutto ciò lo sgombero di XM24 è un fatto altamente simbolico, un momento con cui l’autorità cittadina vuole sancire la fase di compimento di un più ampio processo ed è proprio per questo che non possiamo farlo passare. Non sarà il successo di questa lotta a rovinare i piani dei signori della città, tuttavia il valore storico di 15 anni di autogestione e quello geografico di uno spazio nel bel mezzo di un quartiere in fase di stravolgimento, dà a questa battaglia un valore strategico. In gioco c’è ben più che una singola esperienza di autogestione, c’è un progetto politico di normalizzazione e mercificazione del tessuto urbano che a seguito dello sgombero avrebbe strada spianata. [Read More]

Tags: ,

Bologna: Perché diciamo no allo sgombero di XM24

XM24_BolognaA Bologna, nel quartiere Bolognina, XM24, spazio pubblico autogestito, organizza da anni svariate attività, dibattiti e incontri. XM24 è anche laboratorio politico e libero dove si svolgono numerose iniziative di gruppi con un’idea ben precisa di quale società, economia e agricoltura promuovere. Ora è arrivata l’intimazione di sgombero: replicano i portavoce del gruppo.

È in questo spazio che prende vita CampiAperti , un’associazione di coltivatori biologici impegnati nella lotta per la sovranità alimentare. Fin qui tutto bene. O almeno, tutto fila liscio fino a quando l’amministrazione comunale, qualche tempo fa, non decide di smantellare lo spazio e di porre fine all’esperienza di XM24. CampiAperti, pur avendo un’alternativa logistica offerta dal sindaco e dalla sua giunta decide di essere solidale con gli amici di XM24 organizzando mercati contadini straordinari all’interno dello spazio di Via Fioravanti e sospendendo quelli previsti nel resto della città. [Read More]

Tags: ,

28 Maggio in piazza, autonomi e indipendenti dal teatrino elettorale!

20160528_manifestazione_28 maggio, a pochi giorni dal voto per il rinnovo delle giunte di diversi comuni italiani (tra cui Roma, Milano, Torino, Bologna) diverse realtà di lotta scenderanno in piazza, per portarvi le ragioni delle lotte sociali nei territori come discusso nell’ultimo momento di confronto della rete Abitare Nella Crisi.

Agitazione sul terreno del diritto all’abitare, con la resistenza agli sfratti e agli sgomberi e la difesa delle occupazioni; mobilitazioni del proletariato giovanile e studentesco; lotta nel settore della logistica; mobilitazioni di quartiere e per la difesa dei territori dalla devastazione sociale e ambientale capitalistica. Questi i temi al centro delle piazze, che muoveranno nella convinzione che al centro dell’opposizione sociale c’è in questa fase la necessità di attaccare dal basso l’operazione portata avanti dal governo Renzi e di smontare ulteriormente la fiducia in un teatrino elettorale sempre più inutile quanto a effetti reali sulla vita delle persone. [Read More]

Bologna: 3 aprile, assemblea nazionale della rete Abitare nella Crisi

20160403_Bologna_Abitare_Nella_CrisiCon una riunione tanto necessaria quanto intensa e partecipata, la rete di Abitare nella crisi mostra di voler maturare ancora per poter gestire la formidabile mole di impegni che un’emergenza abitativa in costante aumento pone davanti ai movimenti. Sul tema della casa, infatti, è possibile registrare un crescente rancore per un diritto primario sempre più disatteso, basti pensare all’aumento della “domanda di intervento e di produzione di conflitto” legata al tema dei mutui, come al tema della cancellazione e della vendita delle case popolari. Un salto di qualità quindi appare ineludibile, per non accontentarci di resistere, evitando che sia dal punto di vista sociale che delle dinamiche repressive la controparte riesca a prenderci le misure.

Manovre come quella messa in moto a Padova nei confronti del comitato di lotta peraltro già crollata tramite il respingimento delle misure cautelari ordinate dalla procura, come i processi coercitivi ed i dispositivi di legge predisposti hanno del resto proprio l’obiettivo dichiarato di fermare il conflitto che i movimenti avevano avuto modo di alimentare, depotenziandone la capacità di rappresentare una concreta minaccia. [Read More]

Bologna: in centinaia per una moratoria sugli sfratti e la cessazione degli sgomberi

20151219_Bologna_in_centinaia_per_una_moratoria_sugli_sfratti_e_la_cessazione_degli_sgomberiBologna meticcia e solidale ha risposto in forze alla chiamata di piazza a poco più di una settimana dal non-sgombero lampo in via Agucchi, che ha segnalato alla città e non solo l’ arroganza delle istituzioni da un lato e la tenacia resistente di una comunità che solo poco più di un mese fa si era frapposta allo sgombero coatto dell’ Ex-Telecom.

Come prassi consolidata nelle marce della dignità dalle periferie al centro, Social Log e il mondo di solidarietà che si sta stringendo attorno alla lotta per il diritto all’ abitare si è dato appuntamento nel cuore della Bolognina, quartiere in cui negli ultimi mesi continuano a intrecciarsi quotidiane storie di resistenza agli sfratti e sempre più persone hanno stretto legami con i percorsi di autogestione partiti dalle occupazioni abitative. [Read More]

Bologna: termina la resistenza sui tetti di via Agucchi, continua e rilancia la lotta per la casa!

Bologna_Agucchi_occupata_1Dopo più di 50 ore sul tetto la resistenza delle ex-Poste che ha dovuto fronteggiare la brutalità della celere, minacce della procura, insulti e calunnie dell’amministrazione (vedi video in fondo all’articolo) ha dovuto affrontare anche malori e febbre alta con le temperature scese a picco in una Bologna avvolta dalla nebbia.

Sul tetto, come nel piazzale, c’erano uomini e donne di ogni età, dalla culla fin oltre i 70 anni e le precarie condizioni di salute, “tamponate” nelle ore con i beni di conforto che si riusciva a far arrivare sul tetto superando provocazioni e sabotaggi di celere e polizia, ha posto al centro dell’assemblea dei resistenti la necessità di scendere per “riprendere le forze e rilanciare più forti di prima”. [Read More]