Firenze: Sgombero in via Toselli. 3 occupanti ancora sul tetto

20160804_sgombero_via_toselli_firenzeFirenze, giovedì 4 agosto 2016 – Poco dopo le 10 di mattina sono iniziate le massicce operazioni di sgombero della palazzina occupata lo scorso dicembre in Via Toselli: uno spazio liberato che ha concentrato buona parte delle proprie iniziative nel contrasto al neofacismo, avendo una sede di Casapound a poche centinaia di metri di distanza.

Approfittando della calma agostana, un imponente schieramento di camionette della celere ha bloccato l’accesso all’incorcio in cui è situata la palazzina, tenendo a distanza i solidali accorsi. Lo sgombero è apparso da subito decisamente muscolare, con lancio di lacrimogeni dentro le stanze e botte agli occupanti, 9 dei quali sono ancora trattenuti in stato di fermo per “lancio di oggetti, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale”. [Read More]

Firenze: Graduatorie di emergenza. La lotta per la casa torna in piazza

201607_firenze_uffcasDopo le settimane calde appena trascorse sul fronte degli sfratti, la lotta per la casa è tornata a scendere in piazza questa mattina con una manifestazione partita da piazza San Marco e diretta all’Ufficio Casa di via dell’Anguillara. A prendere parte alla protesta famiglie sotto sfratto, abitanti delle case occupate e “ospiti” delle strutture di emergenza.

Una protesta rumorosa che ha alzato la voce contro gli sgomberi e la pratica degli “sfratti a sorpresa”(art.610) messa in campo dalle controparti istituzionali, ormai evidentemente schierati a pura tutela degli interessi privati di palazzinari e speculatori. Quella degli sfratti a sorpresa, infatti, si presenta come una vera e propria misura punitiva da applicare lì dove gli inquilini si rifiutano di uscire di casa senza nessuna soluzione abitativa dignitosa. Un dispositivo pensato proprio per spezzare le lotte portate avanti in questi mesi dal Comitato Inquilini le rigidità poste dalle famiglie in lotta. [Read More]

28 Maggio in piazza, autonomi e indipendenti dal teatrino elettorale!

20160528_manifestazione_28 maggio, a pochi giorni dal voto per il rinnovo delle giunte di diversi comuni italiani (tra cui Roma, Milano, Torino, Bologna) diverse realtà di lotta scenderanno in piazza, per portarvi le ragioni delle lotte sociali nei territori come discusso nell’ultimo momento di confronto della rete Abitare Nella Crisi.

Agitazione sul terreno del diritto all’abitare, con la resistenza agli sfratti e agli sgomberi e la difesa delle occupazioni; mobilitazioni del proletariato giovanile e studentesco; lotta nel settore della logistica; mobilitazioni di quartiere e per la difesa dei territori dalla devastazione sociale e ambientale capitalistica. Questi i temi al centro delle piazze, che muoveranno nella convinzione che al centro dell’opposizione sociale c’è in questa fase la necessità di attaccare dal basso l’operazione portata avanti dal governo Renzi e di smontare ulteriormente la fiducia in un teatrino elettorale sempre più inutile quanto a effetti reali sulla vita delle persone. [Read More]

Firenze: Sullo sgombero annunciato di Villa Panico

2016_Manifesto_villa_panico_FirenzeI recenti arresti di tre persone molto vicine a Villa Panico, un partecipato presidio in solidarietà conclusosi con un corteo selvaggio per le vie dell’Oltrarno e tutti i fatti attribuiti agli anarchici ultimamente hanno scatenato, com’era prevedibile, le ire e le condanne trasversali a ogni fazione politica. In primis il PD e il suo sindaco Nardella: pronti a difendere l’operato dell’Arma (curioso per una città che ha visto, solo per citarne una, l’omicidio di una persona per le vie dell’Oltrarno proprio per mano di quattro carabinieri) e il decoro dei muri, a detta loro “oltraggiati” da scritte. Finendo poi con le classiche merdine fascistoidi tipo Torselli, ben contente di cavalcare qualsiasi crociata anti-degrado e anti-anarchica per dare a se stessi e ai propri agonizzanti fratelli d’italia un minimo di visibilità.

“Villa Panico dev’essere sgomberata” tuonano i giornali in questi giorni, Corriere Fiorentino e La Nazione in testa, dando ampio spazio alle dichiarazioni del tale Assessore alla Polizia Municipale Gianassi, che avrebbe assicurato che all’ultima riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica il comune abbia dato piena disponibilità per finanziare l’impresa, ritenuta più che mai urgente. Apprendiamo, sempre dai giornali di regime, che la patata bollente è stata consegnata alla Prefettura, trattandosi lo sgombero di una questione di ordine pubblico, che ha risposto, per la delusione di tutti, prendendo tempo, per via di una situazione cittadina che ora sarebbe “troppo calda” per uno sgombero. [Read More]

Se Toccano Uno, Toccano Tutti. Liberta’ Per I Compagni Di Padova!

Movimento_di_lotta_per_la_casa_FirenzeQuattro compagni del Comitato Lotta per la Casa sono stati sottoposti agli arresti domiciliari stamattina a Padova. Conosciamo questi compagni, le loro battaglie, la loro generosità con cui quotidianamente lottano contro gli sfratti e la speculazione.
La magistratura li accusa di aver costituito un “associazione a delinquere” (!?) finalizzata alle occupazioni di case sfitte e al blocco degli sfratti tramite i picchetti.
In realtà, i compagni di Padova sono accusati di aver fatto quello che bisogna fare quando i diritti vengono calpestati e le ingiustizie sociali diventano quotidiane.
I compagni di Padova sono colpevoli di lottare per il diritto alla casa, esattamente come quotidianamente si fà qui a Firenze e tante altre città. E per questo hanno la nostra massima solidarietà e sostegno. Ma non solo: li vogliamo liberi il prima possibile!
Le loro lotte – evidentemente – hanno fatto paura alle vere associazione per delinquere: quelle composte da costruttori e palazzinari e alimentate dagli intrecci tra speculazione e politica. E così la Magistratura è arrivata in soccorso degli indifendibili con arresti e perquisizioni, cercando di impaurire e fermare un movimento che dal sud al nord del paese rivendica “casa, reddito e dignità per tutti”. [Read More]

Firenze: Le case ci sono, occupazione simbolica di un edificio della Cassa Depositi e Presititi

20160220_Firenze_occupazione_simbolica_della_Cassa_Depositi_e_PresititiIl bando ERP continua a venir rimandato e le risposte da parte del Comune di Firenze, nonostante le proteste delle scorse settimane, alla richiesta del passaggio da casa a casa per le famiglie sotto sfratto sono completamente assenti. Mentre sempre più sfratti vengono rimandati “a sorpresa”, Comune, ufficio casa e servizi sociali continuano a negare la possibilità di accesso a soluzioni che non siano le strutture di accoglienza (nella maggior parte dei casi solo per minori con la madre, anziani e disabili) perché “non ci sono i soldi” e “non ci sono le case”.

Questa mattina il Comitato degli inquilini sotto sfratto ha voluto evidenziare quanto ci sia di falso in queste affermazioni, occupando simbolicamente un edificio in via de’Benci 4, vuoto da decine di anni, salvo un breve periodo in cui è stato occupato negli anni novanta, ceduto da INAIL alla Cassa Depositi e Prestiti, affinché sia svenduto. “Più di 2000m2 sfitti da venti anni e ora in vendita. E poi dicono che non ci sono case per chi ha uno sfratto… e mentre centinaia di alloggi pubblici restano vuoti SPENDONO 70 euro al giorno per “ospitare” una donna sfrattata con un minore dentro le strutture. Siamo stanchi: assegnare le case vuote alle famiglie in emergenza!”. [Read More]

Firenze: Torna la luce all’ex-Aiazzone occupato. Sabato in piazza contro l’art.5

Firenze_aizzE’ tornata la luce allo stabile occupato dal Movimento di lotta per la casa di via dell’Avogadro dove da martedì erano rimasti senza fornitura elettrica i 150 abitanti, tra cui donne incinte, anziani, bambini e malati. A creare questa vera e propria emergenza umanitaria era stata la vergognosa e irresponsabile operazione di distacco eseguita dalla Questura in applicazione all’art.5 del Decreto Lupi. Un operazione portata avanti a forza di ripetute cariche dei reparti antisommossa per spezzare la tenace resistenza degli occupanti durata circa otto ore. Il distacco era stato condannato anche dai Medici per i Diritti Umani, sottolineando le precarie condizioni di salute di molti occupanti.
Nella giornata di mercoledì la protesta degli occupanti era arrivata fin dentro il Comune di Sesto Fiorentino, con un occupazione di sei ore del cortile dell’edificio. Durante un incontro con rappresentanti del Comune commissariato, l’istituzione si era limitata a “riconoscere la gravità della situazione” chiudendo su ogni possibilità di iniziativa concreta che andasse a ripristinare la fornitura elettrica. Questa infatti era la richiesta avanzata dagli occupanti.
Di fronte all’immobilismo istituzionale e nel bel mezzo dell’inverno – con temperature sotto lo zero – è arrivato un nuovo allaccio autorganizzato, rimasta unica soluzione ad un emergenza grave e pericolosa per la vita degli occupanti. [Read More]

Firenze: Aiazzone, la resistenza degli occupanti contro il distacco della luce

20160120_Firenze_resistenza_degli_occupanti_contro_il_distacco_della_luceTutto inizia alle prime ore della mattina quando operai Enel e agenti della Digos si presentano davanti allo stabile occupato in via dell’Avogadro da circa duecento persone (dove vivono richiedenti asilo e qualche famiglia italiana). Una piccola ruspa inizia così a scavare un fosso fuori dall’edificio per togliere alla radice la fornitura elettrica. Agli occupanti viene detto: “sono solo dei lavori di manutenzione, tutto ritornerà come prima”. E’ quando diventa evidente a tutti che si tratta di una presa in giro che la rabbia sale. Sul posto arrivano i reparti celere. Dalle finestre volano pietre e mattoni.

Decine di persone si riversano in strada per bloccare i lavori. E’ qui che parte una lunga giornata di resistenza e lotta che durerà per ben otto ore. Non è la prima volta che la Questura interviene per lasciare al buio gli uomini, le donne e i bambini che abitano nell’ex Aiazzone. Ma questa volta fuori il termometro segna sotto zero e l’intervento vuole impedire ogni possibilità di riallaccio. E’ da quasi due anni che l’art.5 del Decreto Lupi ha eliminato ogni possibilità per chi occupa di stipulare regolari contratti di fornitura per quanto riguarda le utenze di acqua, luce e gas. [Read More]

Firenze: La celere interviene per sfrattare una famiglia “a sorpersa”

20160119_sgombero_via_Scialoia_FirenzeQuesta mattina verso le 10 due blindati della polizia e svariati agenti si sono presentati per eseguire lo “sfratto a sorpresa” di una famiglia con bambini in via Scialoia. Uno sfratto la cui storia inizia qualche anno fa, una storia come tante, la perdita del lavoro, la morosità, lo sfratto, i picchetti con il Movimento di Lotta per la Casa, la possibilità concreta di ottenere una casa popolare che viene cancellata circa un anno fa quando vengono tolti i punti per la morosità, in anticipazione della Legge Saccardi, decine di richieste e proteste ai servizi sociali che non muovono un dito fino ad arrivare al 30 novembre, quando l’ufficiale giudiziario “rimette gli atti al giudice” e programma lo “sfratto a sorpresa”. Vane si sono dimostrate le promesse del dirigente dei servizi sociali Cavalleri che si era impegnato affinché si scongiurasse la pratica degli sfratti a sorpresa. [Read More]

Firenze: Rioccupato lo stabile abbandonato di via Toselli

20151227_Firenze_Rioccupato_lo_stabile_abbandonato_di_via_ToselliIeri mattina uno stabile abbandonato tra via Toselli e via Benedetto Marcello è stato occupato da un gruppo di giovani precari, disoccupati e studenti uniti nella campagna “Occupa con noi!“.

Stanze fino a ieri buie e polverose torneranno ad essere vissute, non seguendo le logiche speculative che governano la società, ma costruendo insieme un percorso di autogestione e di condivisione, rendendo il posto fruibile da tutti e tutte. Negli ultimi anni le città diventano sempre più vetrine a cielo aperto. Le zone centrali sono “addobbate” per attirare investitori e turisti, mente le periferie rimangono isolate assumendo l’unica funzione di quartiere dormitorio privo di alcun identità.
Questo processo appoggiato e finanziato dalle amministrazioni, ha portato al completo abbandono di interi palazzi e abitazioni, nonostante il problema abitativo affligga buona parte delle persone, costrette a tirare la cinghia pagando affitti e servizi a costi spropositati…” recita il volantino distribuito al quartiere.

L’edificio in questione fu occupato anche lo scorso anno da famiglie organizzate nel Movimento di Lotta per la Casa, che subirono un violento sgombero il 4 marzo 2015. Da quel giorno è stato murato ed è rimasto vuoto fino a ieri mattina. Non contenti di buttare fuori le famiglie, i proprietari hanno deciso di spaccare e murare anche i bagni e i sanitari, per provare a scongiurare future occupazioni. [Read More]