Atene: Un anno e mezzo di City Plaza

22 aprile 2016 – 22 ottobre 2017: un anno e mezzo di City Plaza
Oggi il City Plaza compie un anno e mezzo.

Era il 22 aprile del 2016, infatti, quando 250 attiviste/i e rifugiate/i hanno “preso in mano” l’hotel City Plaza, nel centro di Atene. Un albergo che come molte altre imprese era chiuso da 6 anni dopo il collasso economico e le politiche di austerity attuate dal governo. Questo hotel abbandonato è stato trasformato in un luogo di accoglienza per rifugiate/i e in uno spazio di solidarietà. Da allora, per oltre 500 giorni, quest’iniziativa di solidarietà ha offerto un alloggio gratuito e dignitoso nel centro di Atene a più di 1.700 persone, indipendentemente dalla loro nazionalità e dal loro status di residenza. Le 120 stanze dell’albergo ospitano 350-400 persone alla volta; un terzo di loro sono bambine e bambini.

Ci sono altri modi per “misurare” quel che è successo qui negli ultimi 18 mesi. Lo si può fare con i 385.000 pasti caldi serviti dal “gruppo cucina” o con le 35.000 ore di lavoro spese nelle postazioni che all’entrata dell’albergo o nei balconi dell’edificio si occupano della sicurezza; con le 13.560 ore di turni alla reception o con gli oltre 32.700 rotoli di carta igienica distribuiti dal team che gestisce il magazzino. Lo si può “calcolare” anche con le consegne dei 156 furgoni carichi di verdure fresche e di carne; con le incalcolabili ore dedicate alle pulizie o all’ambulatorio medico; con quelle spese nell’insegnamento all’interno delle due classi create, nello “spazio donne”, nel cortile-campo giochi; o, ancora, con le 18 tonnellate di olio da riscaldamento consumati dai boilers e dai radiatori. [Read More]

Atene: Il City Plaza non si arrende

“Resisti alla burocrazia dell’immigrazione e dei passaporti. Alle spaventose bandiere degli Stati,
Alla diplomazia, Alle fabbriche di armi da guerra” – Michalis Katsaros

L’ordine del tribunale per lo sgombero del Refugee Accommodation Space City Plaza è solo l’ultimo atto di uan serie di attacchi repressivi nei confronti dei rifugiati e del movimento di solidarietà internazionale.
Dalla chiusura dei confini al vergognoso accordo tra Unione Europea e Turchia, dai campi di prigionia agli sgomberi degli spazi occupati, si articola una politica mirata a rappresentare i rifugiati come un nemico. Un nemico che va combattuto con l’uso diretto e indiretto della violenza di Stato. La violenza sui corpi degli stranieri genera paura e fa sprofondare la società in una ancora più profonda barbarie.

Negli ultimi 14 mesi il City Plaza, insieme a tutte le altre occupazioni abitative di rifugiati, ha rappresentato un’anomalia nell’uso dello spazio pubblico, opponendosi alla costante riproduzione del discorso repressivo e razzista contro i rifugiati. L’esperienza del City Plaza non solo ha dimostrato che i rifugiati possono vivere in armonia e con dignità insieme alle persone del luogo ma, insieme alle altre iniziative simili, rappresenta la concretezza di un’Europa diversa da quella dell’Eurogruppo e di Frontex. Un’Europa di solidarietà, di lotta, di umanità, che dà fastidio a chi sta al potere. [Read More]

Bologna: Solidarietà al Rosa Nera squat!

Abbiamo conosciuto i compagni e le compagne dello squat Rosa Nera di Chania durante il meeting anarchico internazionale Tre Ponti svoltosi in Grecia, che ebbe il suo momento centrale proprio a Creta.
Uno spazio stupendo, tenuto in maniera esemplare nel vecchio palazzo del governatore ottomano, direttamente sul promontorio sopra il porto veneziano della città, che da semplice monumento storico è diventato un luogo di aggregazione sociale e politica.

Le persone che lo abitano e lo rendono vivo si dimostrarono anch’esse stupende: ospitali fin oltre quanto avrebbero dovuto, disponibili, politicamente molto capaci e attive.
Ora la proprietà dell’edificio, l’Università, vuole sgomberare quell’esperienza con l’obbiettivo di metterla a profitto proprio mentre la popolazione continua ad affrontare una crisi economica che ne sta distruggendo il tessuto sociale.

Anche qua a Bologna, come in tutta Italia, il capitalismo neoliberista attacca le condizioni di vita delle persone usando come scudo la repressione degli spazi e dei gruppi che lo combattono: nello specifico è la lotta per difendere XM24, Spazio Pubblico Autogestito simbolo della nostra città, che ci sta impegnando. [Read More]

Atene: Exarchia, primo anno dello squat Themistokleous 58

One_Year_58_SquatIl 10 gennaio 2017, lo squat Themistokleous 58 a Exarchia ha concluso il primo anno di attività. In questo anno il nostro squat ha intrapreso una serie di iniziative per intensificare la guerra sociale, e ha partecipato a numerose azioni di sostegon a progetti e individui presi di mira dalla repressione delle autorità.

Abbiamo messo in avanti la solidarietà anarchica internazionalista tra ribelli, perché crediamo che può essere una relazione reciproca destinata a sviluppare affinità e complicità contro lo Stato, il Capitale e la dominazione, e continuiamo a farlo nella pratica distruggendo le false divisioni basate su origine, lingua, genere, orientazione sessuale e il bagaglio religioso o profano di chiunque sia associato in qualsiasi maniera al nostro progetto.

Ci siamo opposti al patriottismo e al razzismo diffuso (che sia manifesto o nascosto), e rifiutati di discriminare chi migra sulla base dello statuto attribuito loro dalle autorità (rifugiati contro non-rifugiati). Abbiamo cercato di intrecciare la lotta contro il controllo e la repressione della migrazione con una critica esauriente e pratica del complesso di dominazioni che divide e isola ogni tentativo di liberazione per indebolirli e eliminarli più facilmente.

Abbiamo protetto il carattere anti-instituzionale del nostro progetto con ogni mezzo, mantenendo lo squat e le sua attività liberi dalla presenza e l’influenza di ONG, stampa e ogni tipo di intermediario. Abbiamo difeso la nostra autonomia politica senza alterare le caratteristiche fondamentali della nostra comunità agguerrita. Allo stesso tempo abbiamo scelto di incontrare gli/le altr* sul terreno dei disaccordi multirazziali, lavorando insieme ogni qualvolta e ovunque considerassimo che le rispettive strutture politiche e organizzative corrispondevano ai nostri obiettivi. [Read More]

Atene: Nuovo squat in via Themistokleous 58 a Exarchia

20151210_new_squat_in_Themistokleous_Street_58_Exarchia_AthensNella serata di domenica 10 gennaio 2016 abbiamo occupato l’edificio vuoto in via Themistokleous 58, a Exarchia, Atene. L’intenzione è di aprire un luogo dove i/le migrant*, che sono bloccati qui in Grecia a causa delle politiche migratorie europee, possano vivere e auto-organizzarsi liber* dal controllo di stato. Siamo un gruppo di individui di luoghi e contesti diversi, uniti dalla lotta contro Stati, nazioni, confini, lager, prigioni, capitalismo; contro, alla fin fine, ogni parte di questo sistema marcio di dominazione che ci opprime. Siamo apert* a chiunque sia d’accordo con i nostri principi base e voglia partecipare al progetto senza secondi fini politici.

Questo squat non ha l’intenzione di essere un servizio pubblico. Non siamo “volontar*” e non trattiamo i/le migrant* come vittime. Una delle sfide di questo progetto sarà di superare nella pratica la separazione che ci viene imposta dai confini e la cittadinanza. Questa casa cerca di diventare un luogo dove le persone si organizzano e imparano gli uni dagli altri, a prescindere dalle proprie origini. [Read More]

Atene: Comunicato per l’attacco con sparatoria contro il K*Vox

Comunicato per l’attacco con sparatoria contro il K*Vox il 3/6/2014

All’alba di martedì, circa alle 2.30, ignoti hanno sparato almeno 5 volte contro l’entrata centrale del centro sociale occupato K*Vox. due delle pallottole hanno trapassato la saracinesca e hanno rotto il vetro dell’entrata centrale. Per fortuna a quell’ora nessun compagno si trovava nell’occupazione.

Nell’ultimo periodo il K*Vox insieme agli abitanti, a collettivi e militanti del quartiere ha partecipato alle iniziative per alcune azioni contro le mafie e lo spaccio di droga a Exarchia, che avviene con la collusione e la copertura della polizia. [Read More]

Grecia: Invasione della polizia a tre spazi occupati nella città portuale di Patrasso

Il 5 Agosto 2013, alle 06:30 circa, poliziotti in divisa e in borghese hanno fatto irruzione e sfrattato tre spazi occupati a Patrasso, in particolare l’occupazione PARARTIMA all’angolo di Via Corinthou ed Aratou, l’occupazione Maragopouleio sulla Via Gounari, e lo spazio autogestito all’interno dell’Istituto dell’Educazione Tecnologica (TEI) di Patrasso. Tutti e tre gli spazi occupati sono stati sfrattati e sigillati dalla polizia.

Le forze repressive, aiutate dalle autorità comunali, hanno confiscato vari materiali dai centri sociali, e anche sigillato l’ingresso dell’occupazione PARARTIMA con mattoni.

Un totale di 16 compagni sono stati detenuti: 5 occupanti che hanno resistito all’invasione dal tetto dell’occupazione Maragopouleio, così come 11 solidali che hanno cercato di avvicinarsi alla casa occupata, mentre lo sgombero era in corso. Poco dopo, i 11 solidali sono stati rilasciati, ma i 5 occupanti di Maragopouleio affrontano accuse e sono stati tenuti in custodia presso il quartier generale della polizia sulla Via Ermou, dove i compagni hanno tenuto un raduno di solidarietà prima al mattino. Inoltre, a mezzogiorno, un raduno di contro-informazione abbia avuto luogo presso la Piazza Olgas.

Più tardi i 5 arrestati sono apparsi davanti al pubblico ministero e sono stati tutti rilasciati, con l’obbligo di comparire in trip bunale il 6 Agosto. [Aggiornamento: Il processo contro i cinque compagni è stato rinviato al 13 Agosto.]

Ulteriori aggiornamenti appena disponibili.

http://it.contrainfo.espiv.net/2013/08/05/grecia-invasione-della-polizia-a-tre-spazi-occupati-nella-citta-portuale-di-patrasso/

vedi anche qui :
http://it.contrainfo.espiv.net/2013/08/06/grecia-riguardo-lo-sgombero-delle-occupazioni-nella-citta-di-patrasso-05082013

Salonicco (Gr): “Libertà per i Lupi del Nord” – Comunicato solidale contro il raid al Nadir Squat

tradotto da 325.nostate.net

Libertà per i Lupi del Nord

Nella notte di giovedi 11 Luglio gli sbirri sono entrati nello squat anarchico Nadir, rubando le attrezzature, causando danni e arrestando e un compagno. Allo stesso tempo un altro gruppo di scagnozzi in divisa ha arrestato un altro compagno nella zona di Stavroupoli, Salonicco.
Non parleremo di “ingiuste persecuzioni”, o del “clima di terrore contro quelli che lottano”, né del “nuovo totalitarismo” e cose cosi. Questo perché sappiamo che nulla di tutto ciò è nuovo. Questi sono semplici istantanee della antica guerra tra due mondi incompatibili: da un lato c’è il disgustoso mondo dell’Autorità, della massa assoggettata e della cloaca sociale e dall’altro, gli anarchici insorti, i combattenti insubordinati del Negativo, quelli che non si inchinano davanti a nessuno.
Non parleremo nemmeno degli altri. Quelli che in questi giorni si sentono segretamente contenti e sollevati. Adesso non è né il tempo né il luogo per farlo. Dovrebbero comunque sapere che, comunque, arriverà il momento di parlare di queste cose. Parleremo dei nostri fratelli. Per tutti quelli che disprezzano la comodità della lotta politica dentro il sistema e si gettano, sorridendo, nello scontro. Per tutti quelli che prendono parte alla guerra anarchica e alla continua insurrezione usando tutti i tipi di mezzi e da differenti posizioni.
Parleremo dei compagni della rete FAI/FRI, dei combattenti dell’ALF e dell’ELF, dei fieri illegalisti, dei rapinatori di banca e anche di quei combattenti, dai quali magari siamo diversi per le idee, che ci troviamo vicini dietro le barricate di strada e le trincee.
Parleremo dell’amore e della solidarietà tra compagni. Della solidarietà non negoziabile e intransigente, che è forgiata dal fuoco e non dal lamento umanistico dei democratici di qualsiasi colore.
Per noi, non importa se i nostri compagni, catturati giovedi, hanno fatto ciò di cui sono accusati. Perché sappiamo che questo percorso non inizia con la lotta armata né ci finisce e può anche non capitarci mai. Esso è un percorso di consapevolezza che tutti noi abbiamo scelto da tanto tempo…
SOLIDARIETA’ AI DUE FRATELLI ARRESTATI E AI COMPAGNI DEL NADIR
LIBERTA’ PER TUTTI GLI ANARCHICI PRIGIONIERI DI GUERRA E TUTTI I RIBELLI IMPENITENTI
LUNGA VITA ALL’INTERNAZIONALE NERA!
NESSUN PASSO INDIETRO!
RABBIA E CONSAPEVOLEZZA!

Progetto anarchico A-politiko
Progetto anarchico di traduzione/pubblicazione Erevos
Progetto anarco-nichilista Parabellum
Fronte di Consapevolezza Anarco-Nichilista per la diffusione del Negativo

Salonicco (Gr): Raid al Nadir Squat e arresto di due compagni anarchici

da: informa-azione

Apprendiamo da alcune stringate veline riportate dai media nostrani, che giovedì 11 luglio 2013 due anarchici “italiani” sarebbero stati arrestati a Salonicco. In realtà nessuna fonte ellenica, né di controinformazione né di regime, fa cenno alla nazionalità dei due; mentre è ipotizzabile che l’attribuzione dei “premi pulitzer” locali sia dovuta all’arresto dei compagni nel corso di un’operazione inerente un attacco rivendicato da una cellula della Federazione Anarchica Informale, erroneamente percepita dai pennivendoli nostrani come “sigla” italiana. Basandoci quindi su quanto riportato da fonti elleniche, ci sentiamo per il momento di smentire l’italianità degli arrestati… a prescindere dall’irrilevanza della nazionalità di fronte a questi argomenti.

Le manovre repressive che hanno portato al rastrellamento del Nadir Squat e al conseguente sequestro dei compagni, sarebbero scaturite dalla combustione di un plico esplosivo indirizzato ad un funzionario di polizia in pensione coinvolto nelle operazioni contro la Cospirazione delle Cellule di Fuoco, avvenuta il 3 luglio all’interno di un centro di smistamento postale nei pressi di Atene. La spedizione del plico era stata rivendicata sul sito di Indymedia Atene (qui tradotta dal sito contra-info).


Segue la traduzione di un comunicato sull’operazione repressiva e gli arresti al Nadir Squat tratta da actforfreedom e tradotta da contra-info:

Nella notte dell’11 Luglio 2013, due anarchici sono stati arrestati in seguito ad una vasta operazione di polizia. Gli sbirri hanno perquisito lo squat anarchico Nadir e il campus di Salonicco. Allo stesso tempo c’è stata un’orchestrata operazione mediatica con i soliti giornalisti amici delle guardie. Nel giornale “Vima”, ci sono dettagli e la foto di un compagno. Nel pomeriggio di Venerdì, la polizia ha rilasciato un pietoso comunicato.

Pesanti accuse vengono attribuite senza connessione con le “prove” confiscate. C’è un’accusa per “possesso di esplosivi” senza esplosivi trovati. Nel loro stupido delirio, gli sbirri hanno addirittura incluso nel loro comunicato un’azione avvenuta in un albergo a Jakarta, Indonesia. Ovviamente stanno testando i nostri limiti, i limiti degli strati sociali, forzando finché non trovano resistenza.

La scena si ripete: compagni, conosciuti o meno, arrestati dalla polizia, con pesanti accuse di terrorismo e – come idioma – anarchia, accuse prive di prove, segue poi l’esposizione di queste persone, dei loro amici e parenti, infine queste persone vengono chiamate, dopo anni di prigione, in aula per dimostrare che non sono elefanti, che non hanno fatto ciò di cui sono accusati.

Sfortunatamente il totalitarismo che coinvolge ogni campo, irrazionalmente e arbitrariamente, tende a divenire la norma. Ed essa viene seguita poi dall’abitudine, apatia e indifferenza.

Gli arrestati a Salonicco sono stati portati al GADA (stazione centrale di polizia a Atene) dato che c’è anche l’accusa di partecipazione alla CCF, il che significa che presto verranno interrogati da qualche investigatore del caso.

Poco dopo gli scontri a Skouries, arresti, pestaggi, scontri e catture, scontri di insegnanti al ministero dell’educazione, l’attacco degli scagnozzi della Delta al presidio per K. Sakkas, e gli attacchi coordinati di polizia e nazi allo spazio sociale Synergio a Ilioupoli, lo stato urla “sono e sarò qui”.

Il ministro della polizia e dell’oppressione, Dendias, poco dopo l’annuncio degli arresti a Salonicco ha ricordato che il motto è: oppressione e “unità nazionale”.

Nessun ostaggio nelle mani dello stato.
Solidarietà a tutti quelli che si rivoltano.
Tenete duro, siamo con voi.

A presto ulteriori notizie.

Salonicco (GR): Nuovo processo dopo sgombero Delta Squat

L’occupazione Delta, a Salonicco, è stata violentemente sgombrata il 12 Settembre 2012. Nel processo-farsa che segui, dieci compagni arrestati hanno ricevuto delle pene con delle sospensioni condizionali e costretti a pagare delle multe (7.950 € in totale). Uno degli arrestati, l’anarchico immigrato Gustavo Quiroga, è rimasto in carcere ed è stato di seguito deportato in Colombia il 4 Novembre. Nello stesso mese, lo Stato Greco ha scatenato una nuova serie di processi contro 6 dagli anarchici che sono stati arrestati durante lo sgombero. I 6 compagni sono ora accusati di disturbo della quiete domestica (dal 2008), come pure per danni aggravati sulla costruzione dell’occupazione Delta. E per di più, l’Istituto dell’Istruzione Tecnologica di Salonicco “Alexandreio”, che rivendica la proprietà giuridica del palazzo sfrattato, mentre lo lascia marcire, attraverso il suo consiglio di amministrazione chiede un risarcimento di 3,5 milioni di euro per presunti danni causati dagli occupanti.
[Read More]