Mail server back up

The squat!net email server was struggling. Mailflow is back to normal.

Desenzano (Brescia): Grande successo per la festa della prima settimana di occupazione del CSO-Zanzanù

zanzanu“Grande successo per la festa della prima settimana di Occupazione! Un ringraziamento a tutti gli artisti che ci aiutano a produrre cultura in una Città che ne aveva oggettivamente bisogno. Un grazie sentito da parte degli occupanti va anche a tutti quelli che sono passati a trovarci, tantissimi e calorosi, non ce lo aspettavamo. Partecipazioni come quella di ieri sera ci danno coraggio e forza per continuare la nostra battaglia politica affinché il patrimonio pubblico sia usufruibile da parte di tutti, come è avvenuto in questi giorni e come ci è stato negato ingiustamente per anni”.

Lo scrivono gli attivisti del CSO sulla pagina FB del Collettivo Gardesano Autonomo dopo la bella e partecipata serata di lunedi 28 dicembre durante la quale sono state anche raccolte centinaia di firme della petizione popolare ‪#‎iostoconZanzanù‬ per chiedere che l’ex ristorante della spiaggia d’oro rimanga un luogo aperto e pubblico e non diventi l’ennesimo ristorante privato in riva al Garda. [Read More]

Desenzano (Brescia): A Rivoltella nasce il centro sociale Zanzanù

20151221_Desenzano_ A_Rivoltella_nasce_il_centro_sociale_Zanzanu_1Attorno alle 15,30 di lunedì 21 dicembre 2015 è nato un nuovo centro sociale in provincia di Brescia. A Rivoltella, frazione di Desenzano del Garda, è stato occupato uno spazio di proprietà del comune. E’ un ex ristorante, in Località Spiaggia d’Oro, proprio sulle rive del lago di Garda. Lo spazio è stato liberato, dopo anni di abbandono, da decine di compagne e compagni, del Collettivo Gardesano Autonomo e di solidali, tra cui militanti del centro sociale Magazzino 47 di Brescia e attiviste/i per il diritto all’abitare. Tutte/i assieme si stanno iniziando i lavori di pulizia e ristrutturazione così da poterlo utilizzare immediatamente.
Alle 16.30 è stata convocata una conferenza stampa per presentare il Centro Sociale Zanzanù ai media locali, oltre che alla cittadinanza. In calendario anche la distribuzione di un volantino informativo alla popolazione di Desenzano del Garda, il secondo centro più popoloso della provincia di Brescia con circa 30 mila abitanti.
Sentiamo la prima corrispondenza di Umberto, nostro redattore sul posto, alle 15.30.

Ascolta o scarica l’audio [Read More]

Saronno (VA): A un anno dallo sgombero del TeLOS

Volantino distribuito ieri sera alla seconda edizione delle Acque Scure Accaccì:

A UN ANNO DALLO SGOMBERO DEL TELOS

Un anno fa veniva sgomberato il Telos di via Milano dopo cinque anni e mezzo di lotta, rabbia e autogestione.
Sono stati mesi pieni di iniziative, di occupazioni più o meno temporanee, cortei, incontri, discussioni, socialità, condivisione, e molto altro.
Eravamo convinti, e lo siamo tutt’ora, che l’aver sgomberato il TeLOS fosse soltanto aver sigillato quattro mura.
L’averci sottratto lo spazio ha acuito la nostra voglia di libertà, ci ha costretti a portare ancora più situazioni conflittuali per le strade di questa cittadina dormiente, ha fatto crescere un odio già ben sedimentato negli anni.
Dopo la richiesta di sorveglianza speciale (fortunatamente caduta) e dopo le numerose denunce (e il goffo tentativo di misure cautelari e reato associativo) per gli scontri del 25 aprile 2014 e per la resistenza contro il taglio dell’acqua nella casa occupata di via Don Monza durante l’autunno del 2013, la Questura di Varese ha appioppato 6 fogli di via da Saronno in seguito allo sgombero del Telos di via Gorizia (a cui si aggiungono i 5 fogli di via da Lomazzo in provincia di Como per una contestazione a Salvini). [Read More]

Lecce, il Binario68 rioccupa!

Binario_68_ex_stabile_delle_poste_via_Leuca_LecceDopo lo sgombero subito ieri alle prime luci della giornata, e dopo una giornata di mobilitazione e risposta collettiva alla decisione di amministrazione comunale e questura, i compagni e le compagne di Lecce attivi nell’esperienza del Binario68 hanno realizzato una nuova occupazione, riappropriandosi dell’ex centro di smistamento postale di Cavallino. Di seguito le poche righe che danno comunicazione della notizia e in seguito il comunicato che ripercorre la giornata di ieri:

I POSTI VANNO E VENGONO MA NOI RESTIAMO.
Dalle ore 23 circa, è stata occupata una nuova struttura in risposta allo sgombero, avvenuto questa mattina, del Binario 68 occupato. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno espresso solidarietà moralmente e fisicamente in questa lunga giornata.

Dalle prime ore del mattino saremo operativi per risistemare il posto. Chiunque voglia apportare il proprio contributo è il benvenuto.
[Read More]

Lecce: sgomberato il Binario68

binario68_via_Bigaro_LecceDopo un anno e mezzo di attività politica, sociale e culturale nel quartiere di San Pio a Lecce, questa mattina il Binario68 di via Birago è stato sgomberato dalle forze dell’ordine della città pugliese, che hanno eseguito il sequestro preventivo dello stabile. Lo sgombero mette fine – temporaneamente – ad un’importante esperienza di aggregazione in un quartiere non facile come quello in oggetto, dove tante iniziative culturali si erano mixate ad una forte impronta soprattutto sul terreno dell’antifascismo.

Il blitz è arrivato verso le 6, quando all’interno dell’immobile occupato era presente una decina di compagni che subito hanno avvertito di quanto stava succedendo la città tramite tam-tam e telefonate. La conseguenza è stato il radunarsi immediato di circa una cinquantina di persone radunatosi di fronte al blocco poliziesco che impediva di raggiungere il Binario che intanto veniva riportato alla desolazione e alla polvere. [Read More]

Milano: Comunicato sullo sgombero di Ripa dei Malfattori

Per l’ennesima volta la macchina della repressione ha agito in piena estate: dopo vari tentativi di sgomberi di case occupate è toccata a noi, il circolo anarchico Ripa dei Malfattori.
Dopo quasi 2 anni di occupazione, animati da iniziative partecipate, concerti, presentazioni, e in ultimo ‒ appena due settimane fa ‒ la bella serata in onore di Gaetano Bresci, la speculazione e gli interessi affaristico-palazzinari hanno recintato e chiuso la nostra esperienza di autogestione condivisa per ingurgitare un ulteriore boccone del quartiere Ticinese, luogo storico di lotte e convivialità, ma ormai da tempo vittima dei voraci appetiti del profitto.
Per quanto fossimo affezionati alle quattro mura di Ripa, siamo anche consapevoli che dopo la triste, mal riuscita pagliacciata di Expo i luoghi vuoti in città saranno ancora più numerosi, e non avremo problemi a trovare nuovi spazi in cui proseguire le nostre attività. [Read More]

Ventimiglia: No Borders – Si balla a Ponte San Luigi: respingimenti, solidarietà, fermi e fogli di via

Si balla a Ponte San Luigi

Ieri notte a Ventimiglia un centinaio di migranti è salito su un treno per attraversare in blocco il confine italo-francese. Molti di loro li avevamo conosciuti sabato in occasione dell’assemblea No Borders in stazione, durante la quale avevano avuto la possibilità di prendere parola ed esprimere la loro esasperazione per la situazione insostenibile in cui versano da mesi. Come prevedibile, il tentativo di attraversamento si è scontrato con i controlli costanti effettuati dalla gendarmerie a Menton-Garavan, la prima stazione oltreconfine. I migranti fermati hanno deliberatamente scelto di sfidare la chiusura della frontiera e rifiutato di scendere dal treno. Sono stati pertanto trascinati di peso sulle camionette per essere ricondotti alla postazione frontaliera francese di Ponte San Luigi, dove sono stati messi in container recintati ed è stata inoltrata alle autorità italiane una richiesta di riammissione sul proprio territorio. [Read More]

Saronno: Sgombero del TeLOS di via Gorizia

Questa mattina alle 6.00 hanno sgomberato il nuovo TeLOS a Saronno. Nonostante il tetto piatto non consentisse grandi
resistenze i ragazzi non sono scesi finchè – complici quelle merde dei pompieri – non li hanno trascinati giù di peso dopo un ora e mezza.
Fuori qualche azione di disturbo alla viabilità ha fatto movimentare dei celerini sicuramente amanti delle sostanze.
Gli operai della proprietà stanno ora bucando il tetto, rendendo inagibile e pronto a marcire l’ennesimo spazio per i prossimi anni.
Era in atto una trasformazione da stabile in stato di degrado, abbandono e putrescenza, a spazio di aggregazione e socialità, da base per le lotte che si portano avanti
nel territorio. [Read More]

Saronno: Nuovo TeLOS Occupato!

IERI SPAZIO ABBANDONATO AL DEGRADO E ALL’ABBANDONO
DA OGGI SPAZIO SOCIALE VIVO, LIBERO E APERTO

Il Telos ha di nuovo uno spazio, siamo in via Gorizia 28 a Saronno.

Molte cose sono cambiate in questi dieci mesi senza Telos, ma identico è il nostro bisogno di uno spazio occupato in cui organizzarci per resistere alla Saronno dei palazzinari (e con la nuova giunta degli inciuci ci sarà da rimboccarsi le maniche!), alla Saronno dei consumi e delle feste calate dall’alto, alla Saronno delle retate e delle peggiori derive razziste, alla Saronno del cemento e del Lura inquinato o prosciugato, alla Saronno delle 1500 case sfitte e delle centinaia di sfratti all’anno, alla Saronno dello scandalo Kaleidos e dello strapotere di CL e dei soliti noti. [Read More]